Questo sito contribuisce
alla audience di

Focus TRAVEL

Portogallo: alla scoperta di Setúbal, tra vigneti, coste e tradizioni

Più di duemila anni fa i Fenici portarono nella zona di Setúbal un vitigno denominato Moscato d’Alessandria. Circa millecinquecento anni dopo nelle cantine reali di Luigi XIV si fa menzione di un delizioso vino proveniente dalle colline di Setúbal in Portogallo che da allora in poi non ha più smesso di essere apprezzato in giro per il mondo.

La città di Setúbal si raggiunge in meno di un’ora da Lisbona. Quindi se avete avuto modo di visitare la capitale portoghese, oppure state pensando di organizzarci un viaggio, tenete presente che a pochi chilometri da qui si trova uno degli angoli più belli del Paese.

La città stessa di Setúbal offre vestigia importanti del suo antico passato con l’area archeologica che conserva testimonianze preziose della dominazione romana. Di epoca più moderna il Castello di São Filipe, uno spettacolare complesso difensivo con pianta a stella che domina l’abitato e offre una spettacolare vista sul paesaggio circostante.

Il Mercado do Livramento è il luogo adatto per chi ha voglia di immergersi nel tipico vociare e nella folla pittoresca che si riunisce ogni giorno in quello che è considerato uno dei mercati del pesce più vivaci e colorati di tutto il Portogallo.

Allontanandoci di poco dalla città abbiamo la possibilità di rilassarci in angoli di paradiso lambiti dal mare su letti di sabbia finissima. Praia do Portinho è considerata una delle più belle di tutto il Paese e nella sua baia tranquilla si possono fare immersioni, mentre la pesca è vietata visto che fa parte del Santuário Ecológico Submarino da Ilha das Cabras.

Di ritorno dalla spiaggia percorriamo le caratteristiche vie del pittoresco centro storico Setúbal. Attraversiamo Praça de Bocage e proseguiamo lungo Rua Álvaro Castelões per scegliere il locale migliore attratti dal profumo delizioso dei vari ristoranti che offrono pesce fresco. Il divertimento fa parte della cultura locale con un suggestivo casinò situato in una location davvero spettacolare. Il casinò di Setúbal si trova infatti sulla punta settentrionale di una penisola sabbiosa che abbraccia ad ovest la Reserva Natural do Estuário do Sado. Nel casinò avrete la possibilità tra gli altri giochi di sperimentare il celebre jogo de vinte-e-um ovvero il blackjack, il cui nome portoghese deriva appunto dal valore complessivo di 21 che non deve essere superato secondo le regole del gioco.

Ad est del casinò si trova un’importante riserva naturale, luogo d’eccezione per l’avvistamento di oltre duecento specie di volatili tra cui le splendide cicogne bianche che popolano i campanili e i tetti delle abitazioni circostanti. Ma la riserva è anche il luogo privilegiato per l’osservazione dei delfini, in Europa rari, ma presenti con una consistente colonia all’interno delle acque della Reserva.

Il Parque Natural da Arràbida si trova tra Setúbal e la cittadina di Sesimbra, trenta chilometri verso ovest. È un luogo di una bellezza stupefacente, come di rado capita di incontrare durante un viaggio. Pace, armonia e il silenzio incontaminato di uno dei rari esempi di macchia mediterranea del Portogallo. Numerose le calette in cui lasciarsi il mondo alle spalle e godere del privilegio unico di trovarsi in questo luogo magico. Nel piccolo museo oceanografico all’interno del parco troviamo informazioni utili per conoscere la storia del parco e spettacolari fotografie aree della costa.

E se il nostro viaggio è iniziato con una storia del vino ecco allora l’imperdibile itinerario attraverso la Strada dei Vini della Penisola di Setúbal. Tra il blu intenso del mare e il verde acceso delle colline dove si susseguono i filari delle viti percorrere questa strada del vino portoghese è una delle esperienze più intense e appaganti di questo itinerario nella regione di Setúbal. Si arriva in auto fino alla punta estrema della regione, dove Cabo Espichel, uno sperone di roccia a picco sul mare, rappresenta il limite estremo della regione. Da qui lo sguardo si perde in lontananza verso ovest dove l’Oceano racconta un’altra storia di questo meraviglioso Paese.

 


Potrebbe interessarti

Nessun Commento

Lascia un Commento

Connect with Facebook