DECOR Focus

Questione di luce: le regole per illuminare la casa (e farlo al meglio)

La luce naturale in casa è una delle cose più belle. Su questo non ci piove. Ma siamo realistici: non tutti godiamo di un appartamento inondato dal sole tutti i giorni, tutto il giorno, anzi specialmente se viviamo in una caotica città e la nostra casa si affaccia su tristi e grigi palazzoni, addio luce.

Non ci resta che sognare sfogliando riviste di arredamento dove trionfa lo stile scandinavo e la luce accecante che entra prepotente da finestre rigorosamente senza tende. Alla faccia della privacy.

Ma davvero? Ma neanche per sogno! Se la luce naturale scarseggia, bisogna semplicemente ricorrere alla luce artificiale. Il che, credetemi, non è affatto male, perché in una casa ci si può divertire e sbizzarrire un bel po’ giocando con le luci, a patto di saper studiare le soluzioni più adatte per valorizzare al meglio ogni ambiente.

Innanzitutto partiamo da un assunto fondamentale: al pari di quadri, tende, mobili e complementi d’arredo, le luci, oltre ad avere un’importantissima e piuttosto ovvia funzione pratica, dal punto di vista estetico regalano grandi soddisfazioni e possono realmente fare la differenza nello stile di una casa. Vi consiglio di dare un’occhiata al sito  Lampade.it, un importante shop online del settore illuminazione, troverete sicuramente ciò che fa per voi e per la vostra casa ma anche per il negozio, l’ufficio, il giardino… con offerte davvero interessanti.

Quando parliamo di “luce” però non pensiate di cavarvela con un lampadario, due piantane piazzate in salotto e una lampada da tavolo. L’illuminazione in casa segue regole ben precise, regole dettate, oltre che dal buon gusto, anche dalle precisa necessità di ogni spazio.

Ecco alcune di queste preziose regole da tenere a mente:

  • Le fonti di luce devono essere varie e diversificate. Un lampadario per la luce diretta, una lampada angolare per un’illuminazione più soft e meno invadente.
  • Sì al varialuci per decidere l’intensità della luce
  • Sì alle lampade a risparmio energetico , costano di più ma vi faranno risparmiare notevolmente sulla bolletta quindi spesa ammortizzata praticamente subito.
  • No alle luci abbaglianti e troppo bianche, rendono un ambiente inospitale. Siete in casa non in una sala operatoria.
  • In cucina c’è bisogno di luce funzionale per illuminare lavandino, piano cottura e zone di lavoro. E’ la zona in cui prepariamo i pasti e laviamo stoviglie non può e non deve essere buia.
  • In bagno la luce è fondamentale : sì a faretti e spot luminosi specialmente sullo specchio: lui si rade, noi ci trucchiamo, l’illuminazione è necessaria! No a luci che falsano i colori, terribili!

Queste sono solo alcune delle regole auree per illuminare adeguatamente la vostra casa, seguitele e valorizzerete gli ambienti creando un’atmosfera accogliente.

 


Potrebbe interessarti

Nessun Commento

Lascia un Commento

Connect with Facebook