THINGS I LOVE

Tips, ricette e consigli per organizzare un perfetto Picnic di Pasquetta

PICNIC_CONSIGLI

Succede ogni anno, con l’arrivo della primavera rispolveriamo ceste di vimini e tovaglie vichy rosse e bianche. E’ la voglia di picnic che contagia un po’ tutti, è quella voglia di uscire fuori e trascorrere un po’ di tempo con il naso all’insù guardando il cielo azzurro, è il piacere di ritrovarsi con gli amici e azzzardare una t-shirt a maniche corte dopo mesi di maglioni in lana e cappotti.

La prima occasione utile per appropriarsi di una zolla di terra erbosa e fare un pranzo a contatto con la natura è il Lunedì di Pasquetta, l’unica circostanza in cui il Lunedì non ci sta antipatico.

Già ci vediamo con le gambe incrociate, seduti sulla nostra tovaglia a bere aranciata da bicchieri con cannucce colorate, mangiando sandwich, godendo della spontaneità e del relax autentico che solo un pranzo informale all’aria aperta sa regalare.

picnic_pasquetta
Se state pensando a come riempire i vostri cestini di manicaretti per il vostro déjeuner sur l’herbe dopo il pranzo di Pasqua in famiglia, se avete già preparato plaid a scacchi e cuscini, poco importa se l’erba sarà quella di un’aiuola nel parco sotto casa o quella di un boschetto fuori città, quello che vi serve è un menù adeguato.

Qui una selezione di ricette che vi suggerisco perchè semplici, veloci e perfette anche per chi non mangia carne.

pasquetta tavola idee menu

Ci sono i Bocconcini di tonno e ricotta, le polpette di lenticchie, i burger vegetariani per chi non rinuncia al rito della grigliata all’aperto e una frittata (di minestrone).

Certo, la semplicità è tutto, perchè queste occasioni sono fatte per rilassarsi e non per stressarsi con i preparativi figurimoci se vogliamo starcene ore ai fornelli,  ma non va però dimenticato che il segreto per la riuscita di un picnic sta tutto nei dettagli.

picnic_cestino

Ecco qualche consiglio che potrà tornarvi utile:

Evitate le stoviglie in plastica. Meglio carta e legno riciclabile, eco-friendly e decisamente più fotogenici (volete per caso dirmi che resisterete alla tentazione di instagrammare il vostro bellissimo picnic?).

Stesso discorso per le bottiglie: no a quelle in plastica. Il mood è quello green, siamo in mezzo alla natura, quindi adeguiamoci e travasiamo i liquidi in bottiglie di vetro, che sono pure più chic.

Al posto dei bicchieri in vetro potete usare i classici vasetti da conserve, potete riutilizzare quelli della marmellata o dello yogurt, che in genere sono meno fragili dei bicchieri quindi perfetti per essere trasportati e gettati nella differenziata a fine picnic se non volete riportarveli a casa.

Munitevi di candele alla citronella, in campagna ci sono gli insetti, siete a casa loro. Se non volete passare tutta la giornata ad agitarvi per ciò che vi ronza attorno, questa è una soluzione “naturale” per tenere lontani moscerini e zanzare moleste.

Giochi: aspettando di pranzare, o subito dopo, con la pancia piena non c’è niente di meglio di un gioco da tavolo che coinvolga tutti; in alternativa vanno bene anche le carte da gioco o un evergreen: il pallone supertele per tornare un po’ bambini.

Cannucce, tovaglioli colorati, piatti di carta, Tiger è il regno di questo genere di articoli, scegliete un colore solo però, e fate in modo che sia quello che rispetterete come tema del picnic per non rischiare di creare troppo caos sulla vostra tovaglia a quadri.

E poi naturalmente, dettaglio fondamentale, la musica: una volta si portava con sè il giradischi o si usava la radio dell’auto con gli sportelli aperti, oggi invece con un iPhone e un abbonamento Spotify possiamo portarci dietro tutta la musica che vogliamo. E se la batteria dello smartphone si scarica? Il caricabatteria esterno è la salvezza. Io sto usando il caricatore 3 in 1 di Leitz comodissimo perchè oltre a ricaricare il telefono quando la batteria si scarica, funge anche da docking station.

Sacchi per la spazzatura: lasciate la zona picnic come l’avete trovata. Sia che si tratti di aree attrezzate che di aperta campagna, alla fine del picnic raccogliete i rifiuti e differenziatili, plastica, carta e umido. Portate da casa appositi sacchi per non farvi trovare impreparati.

picnic_shopping

 


Potrebbe interessarti

2 Commenti

  • Reply
    Roberta
    31 Marzo 2015 at 16:37

    Bellissimo post! Utilissimo, soprattutto con queste giornate di sole che, finalmente, stanno arrivando sulla nostra Sicilia! 🙂

    • Reply
      Valentina Grispo
      1 Aprile 2015 at 17:27

      Grazie Roberta! Non ne potevamo più di freddo e pioggia…per fortuna sembra che la primavera si sia decisa ad arrivare 😉

    Rispondi a Roberta Cancel Reply

    Connect with Facebook