Focus HOME

Carta da parati (lavabile) in cucina: l’alternativa a pittura e piastrelle

Nelle case, non dico in tutte, ma in gran parte delle case in cui sono stata, ho notato un dislivello estetico tra le camere, la zona living, i bagni e la cucina.

Fateci caso, spesso quando si tratta di decorare la cucina si tende a prediligere più che l’estetica la funzionalità: è la stanza in cui si cucina (e si sporca) e viene spontaneo pensare alla praticità. E se vi dicessi che oltre alla classica pittura delle pareti alternata alle lavabilissime piastrelle, c’è un’alternativa assai più bella ovvero la carta da parati da cucina?

Carta da parati sì, ma extra lavabile

Non fate quella faccia, la carta da parati in cucina è non solo un’idea originale ma anche assolutamente funzionale. Ci sono naturalmente carte da parati pensate appositamente per questo spazio della casa, sul sito cartadaparatideglianni70.com c’è una sezione apposita, con una selezione di carte da parati per tutti i gusti: da quella con motivo floreale, al decoro tropical, dall’effetto legno, ai motivi geometrici, passando per quelle optical e l’effetto maiolica, le ispirazioni e i colori sono davvero tantissimi. Il segreto è sceglierne una extra lavabile ovvero trattate con uno spesso rivestimento protettivo in vinile. Ogni tipo di macchia recente, da quelle solubili in acqua a quelle di grasso, possono essere facilmente rimosse utilizzando una spugna o un panno inumidito. Per lavarle basta acqua saponata, pulendo senza sfregare la superficie. Le carte da parati extra-lavabili sono consigliate nei bagni e nelle cucine così come in aree ad alto passaggio come corridoi, pianerottoli, scale o camerette dei bambini.

Se poi volete andare sul sicuro optate per carte da parati extra-sfregabili che offrono il massimo livello di lavabilità e non si danneggiano anche se sottoposte ad intense operazioni di pulizia. Questo tipo di carta da parati è perfetto per le cucine, dove il rischio di macchie è molto alto.

Come applicare la carta da parati?

Si può scegliere di ricoprire effetto scatola tutto il perimetro della stanza o si può puntare a mettere in risalto un’unica parete, magari in un gioco di contrasti tra carta e pittura, il risultato sarò sicuramente tutt’altro che noioso e non convenzionale e darà carattere alla zona della casa che più di tutte “unisce” e deve per questo essere accogliente e curata. E se quello che vi spaventa è la posa della carta da parati, non preoccupatevi perché sul sito trovate una serie di consigli pratici per applicare la carta da parati in casa.


Potrebbe interessarti

Nessun Commento

Lascia un Commento

Connect with Facebook